RAMOSCELLI D’ ULIVO PER I CARCERATI

RAMOSCELLI D’ ULIVO   PER I CARCERATI

“Il ramoscello di ulivo è il simbolo della pace. Eccone uno per te, affinché ci sia sempre pace nel tuo cuore”

 

Di Tittina Monaco e Prisco Curatolo

Uno degli auguri che ha accompagnato i ramoscelli d’ulivo preparati per i fratelli detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Anche quest’anno l’Azione Cattolica delle parrocchie “Santa Croce – San Prisco” e “Santa Maria di Costantinopoli” hanno accolto di preparare, in occasione della Domenica delle Palme, dei rametti d’ulivo accompagnati da un augurio in vista della Santa Pasqua.

Rispetto allo scorso anno c’è stato un aumento nel numero dei ramoscelli d’ulivo e questo ha fatto sì che, oltre a gruppi giovani, venissero coinvolti nell’attività anche i gruppi adulti.

Tutti i gruppi hanno accolto senza alcuna titubanza l’iniziativa proposta da Padre Clemente Basilicata, cappellano del carcere, consapevoli dell’importanza del gesto; un gesto semplice e all’apparenza insignificante ma che in sé porta il pieno senso dell’amore evangelico. Gesto per far sentire loro il nostro affetto visto che non posiamo fare nulla per risolvere i loro problemi.

Consapevoli di ciò, i gruppi giovani e i gruppi adulti nel preparare l’attività hanno voluto iniziare l’incontro con un momento di preghiera affinché i rametti d’ulivo potessero essere, per i nostri fratelli carcerati, segno di vicinanza e di affetto di un Dio che, anche in loro, si fa presente in mezzo a noi.

Articolo pubblicato sul settimanale diocesano n.14/2017  kairos news >>clicca qui<<