ADESIONE ASSOCIATIVA 2017

Adesione associativa 2017

Ac, bella storia!

DAL SITO NAZIONALE

di Monica Del Vecchio e Maurizio Semiglia* - Ogni tessera è una storia: un libro iniziato in qualche momento della nostra vita, che racconta di persone incontrate, di esperienze vissute, di scelte compiute. è un libro fatto di immagini immediate, di volti e luoghi stampati nel cuore. È un libro anche di parole ascoltate, pronunciate o solo pensate. Pensiamo che contenga anche parole nuove e ancora da inventare. Ogni tessera di Ac è una storia, la nostra, la tua. È una storia originale perché parla di ciascuno di noi, di un pezzo di vita che ha trovato radici nella proposta associativa e che ha lasciato un segno forte in tutto ciò che è venuto dopo. Ogni tessera dell’Azione cattolica è però anche un tassello di un mosaico che insieme ad altre tessere, e ad altre storie, fa della vita associativa un capolavoro di bellezza. Storie di ragazzi, di giovani e di adulti, del Nord e del Sud, delle metropoli e dei piccoli centri: storie vere e irripetibili, di chi ha scelto con il proprio sì di mettersi al servizio dei fratelli e della Chiesa sulle orme del Risorto. L’Azione cattolica è una bella storia perché tiene insieme le nostre belle storie, attraverso la costruzione di legami tra le vite e ponti tra le esperienze. È bella perché ci mostra davvero – per dirla con papa Francesco – che «il tutto è superiore alla parte» e che le nostre individualità, le tipicità dei nostri territori, le unicità delle nostre associazioni parrocchiali e locali fanno bella la Chiesa e l’associazione intera. L’Ac è una bella storia perché non è ripiegata su se stessa, ma sa guardare al presente e al futuro. In Ac impariamo a vivere pienamente questo tempo, con le sfide e le opportunità che porta con sé, e a guardare a ciò che verrà con quella fiducia nel domani che non è ingenuità, ma affidamento. Per questo, senza attendere l’ultimo capitolo, possiamo già dire che sarà a lieto fine! L’adesione all’Azione cattolica italiana è una bella storia perché è entusiasmante e avvincente. È una storia che vogliamo continuare a scrivere, perché ci fa battere il cuore, ci fa camminare insieme nella Chiesa, fa belle le nostre città. Sì, anche quest’anno desideriamo essere protagonisti di questo racconto più grande, lungo quasi centocinquant’anni. Anche quest’anno vogliamo scrivere una bella storia!

*Responsabili Area Promozione Associativa

FESTA ADESIONE 2014 - CATTEDRALE DI CAPUA

FESTA DELL'ADESIONE 2014

CORAGGIO, SONO IO.

CATTEDRALE DI CAPUA

30/11/2014

Con grande emozione l'AC Diocesana si è ritrovata Domenica 30 Novembre nella Cattedrale di Capua per la festa dell'Adesione, momento importante e significativo per la nostra associazione.
L'Adesione non è un fatto burocratico nè un momento puramente organizzativo: aderire è una scelta che ha senso, è scelta di un ideale di vita in cui centrale è il dialogo con Dio e i cui pilastri sono la gratuità, la gioia, il servizio agli altri, la responsabilità, la passione educativa, la cura delle persone e delle relazioni.
Aderire è dire: ci siamo con la nostra storia, la nostra passione per la Chiesa e l'amore per il nostro tempo.
Ci siamo per le nostre comunità per le quali siamo un dono e dentro le quali ci siamo con lo spirito della corresponsabilità e della comunione.
Ci siamo per le nostre città con lo stile del dialogo e della ricerca.
Ci siamo dentro le periferie con lo stile della vicinanza e della prossimità.
Ci siamo con fedeltà e creatività.
Ogni anno doniamo ai Presidenti Parrocchiali un segno che li accompagni; quest'anno abbiamo scelto il melograno per tre motivi. E' l'anno dedicato alla custodia del Creato, il giardino in cui siamo stati posti per coltivarlo e custodirlo. Il melograno ci riporta alla natura e ci deve ricordare di cambiare stili di vita perchè la terra è un regalo di Dio. Dobbiamo acquisire uno sguardo mariano e degli occhi nazaretani, perchè come Gesù e Maria abbiamo il compito di scoprire ed essere attenti ai piccoli gesti che possono cambiare il mondo. Dobbiamo coltivare e custodire il Creato. Il verbo "coltivare" richiama alla mente la cura che ha l'agricoltore, la sua attenzione, la sua passione, la sua dedizione.
Ecco il secondo motivo: il tema di questo trienno è "Il seminatore uscì a seminare". La semina sembra un gesto di perdita: è prendere ciò che è tuo ed arrischiarlo. A noi è chiesta la semina, questo gesto di amore e di servizio generoso alla Chiesa e al Mondo. Vogliamo seminare speranza e fiducia.
Vogliamo seminare unità: ecco il terzo motivo della nostra scelta.
La buccia del melograno è liscia, ma resistente; così devono essere le nostre relazioni, senza asperità nè asprezza, ma tenaci e durature perciò bisognose di rispetto e di stima reciproca.
Il colore di questo frutto è rosso: è quello della passione perchè l'unità ci porta a patire, è difficile costruirla perchè siamo soggetti non solo a spinte erosive dall'esterno, ma anche a forze disgregatrici all'interno dell'Associazione e della Chiesa.
Il succo del melograno è un potente antiossidante: vogliamo allontanare tutto ciò che intossica ed inquina i rapporti e le relazioni.
I grani del melograno sono saldamente legati al loro alveolo, ma tutti uniti: vogliamo essere legati alla nostra Associazione all'interno della Chiesa e delle nostre comunità.
Ecco vogliamo essere semplici e comuni, umili e preziosi come il melograno.
CONSEGNA TESSERA DA PARTE DEL VESCOVO S VISCOIn questo cammino non ci sentiamo soli, siamo accompagnati dalla sollecitudine e dall'incoraggiamento del nostro Arcivescovo, dai nostri Assistenti, a cui chiediamo di non farci mancare mai la loro vicinanza, perchè non è accettabile neppure la migliore delle nostre proposte o attività se manca il confronto con loro.
Voglio ringraziare il Consiglio Diocesano, i Presidenti e i Consiglieri Parrocchiali e tutti i soci, specialmente gli amici delle tre parrocchie entrate a far parte dell'AC: Santa Maria la Fossa, San Paolino, San Giuseppe. L'Azione Cattolica si regge sulle spalle di ciascuno di noi.
A tutti allora l'augurio che rimanga sempre accesa la luce mattinale della Speranza.

Presidente Diocesano
Anna Maria Gammella

Articolo pubblicato sul giornalino raccontaci

Adesione 2014 - CORAGGIO SONO IO

La Festa dell'Adesione è un momento importante per l'Azione Cattolica, perché è la giornata in cui, alla presenza del nostro Arcivescovo, manifestiamo la nostra scelta libera e consapevole,  il nostro impegno concreto e soletto verso i fratelli, la nostra responsabilità di essere nella Chiesa e nel mondo testimoni autentici di Cristo ed annunciatori instancabili del Vangelo. È un impegno che rinnoviamo ogni anno, perché il senso di Chiesa,la responsabilità, le regole spirituali e di vita sono orizzonti di un cammino di crescita mai pienamente raggiunti.

                                                            La Presidente

                                                     Anna Maria Gammella

 

ADESIONE 2014 - 2015 - CI SIAMO

ADESIONE IN AC.

L'appartenenza all'Azione Cattolica Italiana costituisce una scelta da parte di quanti vi aderiscono per maturare la propria vocazione alla santità, viverla da laici, svolgere il servizio ecclesiale che l'Associazione propone per la crescita della comunità cristiana, il suo sviluppo pastorale, l'animazione evangelica degli ambienti di vita e per partecipare in tal modo al cammino, alle scelte pastorali, alla spiritualità propria della comunità diocesana." (STATUTO dell'AC art. 15.1)

PER APPROFONDIRE ADESIONE

Leggi tutto: ADESIONE 2014 - 2015 - CI SIAMO